Site icon Istituto Italiano Statale Comprensivo di Barcellona

CORSO DI FORMAZIONE PRATICA PSICOMOTORIA

Si comunica che la Scuola dell’infanzia parificata “M. Montessori”, con delibera del Collegio docenti di plesso del giugno 2012, ha promosso un corso di formazione per docenti e assistenti sulla pratica psicomotoria, come di seguito illustrato.

LA PRATICA PSICOMOTORIA AUCOUTURIER

UN PRIMO LIVELLO DI CONOSCENZA

Rivolto ad un gruppo di 10-15 insegnanti ed educatrici che lavorano nella scuola dell’infanzia (e primaria) Maria Montessori di Barcellona con bambini e bambine della fascia 3-7 anni.

FORMATORE
De Lotto Andrea, ex insegnante MAE presso la scuola primaria dell’Istituto Statale Comprensivo di Barcellona, psicomotricista diplomato nel 2005 presso la scuola triennale CNRPP (Centro Nazionale di Ricerca in Pratica Psicomotoria) di Milano.

RESPONSABILE DEL CORSO
Bottici Maria Grazia, dal 2008 insegnante Mae presso la scuola dell’infanzia italiana di Barcellona.

COMMITTENTE
Scuola dell’Infanzia Italiana di Barcellona.

Motivazioni
La psicomotricità secondo il metodo del professor Bernard Aucouturier ha l’obiettivo di favorire l’espressività e la maturazione globale del bambino e della bambina attraverso il gioco corporeo, la relazione con i compagni e l’adulto, l’utilizzo di spazi e materiali appositamente preparati.
Può essere condotta con un gruppo allargato (intorno ai 15 bambini/e) o con un gruppo ridotto nel caso vi fossero bimbi con particolari difficoltà.
La pratica psicomotoria Aucouturier puo’ fornire alle insegnanti ulteriori strumenti di lettura delle situazioni dei bambini e della bambine, a partire dall’osservazione della loro tonicità, postura, espressività. Ancor più in un contesto trilingue come quello della scuola italiana, dove, in alcuni momenti il bimbo ha la possibilità, attraverso l’espressività corporea, di comunicare liberamente con i pari e con gli adulti.

Durata
30 ore suddivise in 8 incontri

Sede
La stessa scuola Maria Montessori,  in un’aula con video o in palestra.

Modalità di svolgimento
Sono previste tre modalità di formazione:
– teorica
– di osservazione della pratica psicomotoria secondo il metodo Aucouturier (ovvero direttamente in sala con i bimbi)
– pratica corporea su di sè
La formazione teorica sarà di 5 incontri di due ore. In sala adatta, con possibilità di proiettare immagini. L’osservazione si svolgerebbe all’interno della scuola, in orari e modalità da stabilirsi: condotte dallo psicomotricista o da insegnanti della scuola stessa. La formazione personale: 3 incontri di 3 ore. La sede adatta per questi incontri sarà la palestra della scuola.

Calendario degli incontri

Lunedì 1/10 17,30-19.30 Teoria: introduzione alla pratica psicomotoria
Giovedì 4/10 17.30-20.30 Pratica corporea in palestra
Lunedì 12/11 17,30-19,30 Teoria: i differenti giochi psicomotori
Lunedì 3/12 17,30-19,30 Analisi di una seduta video
Martedì 4/12 17,30-20,30 Pratica corporea in palestra
Martedì 8/1/2013 17,30-19,30 Analisi di un video di gioco libero dei bambini
Mercoledì 9/1 17,30-20,30 Pratica corporea in palestra
Lunedì 4/2 17,30-19,30 Domande ed osservazioni

Le ore di osservazione andranno pianificate secondo le scelte e le possibilità.
Tutte le sedute teoriche saranno avviate con domande sulle osservazioni fatte e che non sono state sufficientemente rielaborate nel gruppo o che si ritiene importante condividere.
Saranno importanti i tre momenti della formazione: ma FONDAMENTALI saranno soprattutto i tre momenti di pratica corporea.
Perché il corso abbia maggiore consistenza è bene che nello stesso periodo si svolga uno o due cicli di pratica psicomotoria che potrebbe essere di “educazione”, ovvero di un gruppo di 15 bimbi-e. Oppure un gruppo di aiuto, che veda un gruppo più ristretto, 4-5 bimbi, con all’interno bimbi o bimbe con particolare problematicità di relazione.
Questo darà modo sia di assistere a sedute e raccogliere materiale per le lezioni teoriche, che produrre dei video che verrebbero poi analizzati insieme.

Materiale occorrente
Grandi fogli e pastelli, palloni, bende, scotch di carta, giornali… oltre a tutto il materiale presente nella palestra.
Alle partecipanti saranno richieste: quaderno e penna, oltre ad un abbigliamento comodo e una coperta nei momenti di pratica corporea. Saranno consegnati alcuni articoli in italiano che si chiederà vengano letti a casa (per questo saranno necessarie alcune fotocopie).

Exit mobile version