Istituto Italiano Statale Comprensivo di Barcellona

ALLA RICERCA DELLE R PERDUTE

Progetto scuola  dell’Infanzia Italiana parificata “M. Montessori” – Barcellona
Anno scolastico 2012/2013

Alla ricerca delle R perdute

Anche quest’anno gli esploratori e le esploratrici di Sarrià dalla mente aperta, la mano lesta, il cuor leale e la lingua cortese, sono coinvolti in una nuova grande avventura: ritrovare la catena delle R perdute.

Durante la festa della Mercé, svoltasi a scuola, è arrivata una gentile ragazza:
Roberta, esploratrice esperta.

Roberta, è una vera esploratrice, viaggia molto  ed è simpatica, allegra e curiosa.  Ma soprattutto ama e rispetta la natura. Roberta ha  una grande passione per gli aquiloni, che si diverte a far volare su verdi prati e spiagge dorate.  La nostra esploratrice è venuta a trovarci tenendo in mano un aquilone bellissimo, dai colori variopinti, ma che ahimè non può più volare perché la coda, si è tagliata ed è stata portata via dal vento. Roberta chiede l’aiuto degli esploratori di Sarrià, perché la coda dell’aquilone è qualcosa di davvero importante per lei. Infatti  alla coda è legata la sua preziosa catena delle R, senza la quale non sarebbe più facile sentire il dolce profumo dei fiori, bere acqua cristallina dalle chiare sorgenti e lasciarsi  bagnare da fresche e pure pioggerelline. Senza la catena delle R non ci sarebbe più rispetto per la natura ed il nostro bel pianeta, verrebbe presto rovinato.

La coda da ritrovare è il punto di partenza per un nuovo percorso  che si svilupperà con i bambini e per i bambini, cominciando da un’idea proposta dagli adulti, ma seguendo le aspettative dei più piccoli e che, comunque, potrà variare a seconda dei loro interessi.
Cercando la catena delle R i bambini seguiranno un iter didattico, il cui obiettivo è la promozione di un atteggiamento più consapevole verso l’ambiente che ci circonda, come responsabilità e diritto di tutti. Il fil rouge  che si seguirà durante il percorso sarà, appunto la ricerca delle R, per cui ogni concetto importante  di rispetto dell’ambiente inizierà appunto per R come per esempio: RICICLARE; RIFIUTI; RACCOGLIERE; RISPARMIARE; RISORSE; RECUPERARE; RIPARARE; RIUTILIZZARE; REINVENTARE. Daremo spazio alla nostra creatività, alla nostra inventiva, ed alla nostra curiosità, per creare dei momenti davvero speciali che ci faranno sentire parte integrante di una natura e di un mondo di cui aver cura.

Le nostre avventure coinvolgeranno anche i genitori, che dovranno cercare di aiutare e spingere i bambini a capire e dedurre dove dovranno andare. Chiaramente seguendo il gioco e senza rivelare anticipatamente le mete da raggiungere. La collaborazione degli adulti sarà fondamentale per fare in modo che buone pratiche come la raccolta differenziata, la riduzione degli sprechi e il riuso diventino patrimonio della scuola e dell’intera comunità.

– La prima avventura Alla ricerca delle R perdute, sarà a fine ottobre nel Bosco di Vallvidrera. . Come ogni anno ci aspetterà la Castanyera che ci aiuterà nella ricerca e celebrerà con noi la festa delle castagne.
– A fine novembre andremo al Museu de Ciències del Forum a fare l’attività: “Sents el bosc”
– Nei mesi di gennaio, febbraio e marzo faremo delle uscite per il quartiere di Sarrià.
– Ad aprile ci recheremo al Sant Andreu Teatre (SAT) a vedere lo spettacolo: “La via làctia”.
– A maggio ci sarà l’emozionante colonia solo per i P.5.
– L’ultima uscita sarà a L’Ametlla del Vallès a Can Fusteret con l’attività: “La casa del vidre”. Qui ritroveremo tutti gli elementi della nostra catena delle R, e con la festa di fine anno si celebrerà, insieme, il buon esito della nostra grande avventura.

Cercando la Catena delle R perdute, esploreremo e guarderemo dentro e fuori di noi, dando spazio alle nostre capacità di esplorazione e comprensione. Questa nuova avventura ci aiuterà a crescere e sviluppare la nostra autonomia, la fiducia in noi stessi. Stimolerà i valori di collaborazione e condivisione, facendoci riflettere sull’importanza e sulla bellezza di una  natura, basata su degli equilibri da rispettare.  Capiremo che se davvero si vuole, tutti insieme, possiamo preservare il nostro meraviglioso pianeta da una insensata distruzione.

Exit mobile version